Depurazione acqua

Scopri i motivi del perchè un depuratore ad osmosi inversa può migliorare la tua vita

In questo nuovo articolo vorrei spiegarti del perchè è importante dotarsi di un impianto di depurazione acqua ad osmosi inversa.

Come ben sappiamo l’acqua è il “bene prezioso per eccellenza”.

Però lungo il suo percorso naturale, cioè quando cade dalle nuvole sotto forma di pioggia, quando si raccoglie nei fiumi, nei laghi o nelle falde acquifere, l’acqua porta con se le tracce del suo ciclo continuo, ed arriva al nostro rubinetto, passando tramite le tubazioni degli acquedotti pubblici, portando con se tutte quelle sostanze nocive come sabbia, calcare, metalli pesanti, cloro, e tanto altro.

Coscienti del problema, oggi sempre più persone, sempre più famiglie, non si accontentano della sola “potabilità” dichiarata dagli uffici competenti, ma decidono di affidarsi ad un impianto di depurazione acqua, che possa garantire la purezza del bere e del cucinare.

Tenendo anche presente che di norma l’acqua che arriva nelle nostre case e già controllata e depurata da chi gestisce gli acquedotti pubblici, ed evidentemente “dichiarata potabile”.

Se così non fosse dovrebbe essere immediatamente emessa una ordinanza nel quale si attesta che “l’acqua non è potabile”.

Quindi, a scanso di equivoci, lo ribadiamo ancora una volta, l’acqua immessa nella rete idrica è dichiarata potabile, a meno che non intervenga un documento che attesti il contrario.

Posto questo fatto come punto di partenza, è ovvio che i vantaggi nell’utilizzare questo tipo di impianti sono molteplici; in primo luogo l’acqua sarà priva di cloro, non avrà odore, sarà priva di metalli, calcare ed altre sostanze nocive.

Il risultato che ne conviene dopo questo trattamento è ottimale per tutti gli usi domestici, ed inoltre consente un notevole risparmio di costi come il  trasporto, lo stoccaggio, e la salvaguardia ambientale.

Ma poi su questi ultimi punti ci ritorneremo più avanti con più precisione.

Depuratori acqua potabile: una scelta responsabile

Come già detto poc’anzi i depuratori d’acqua domestici stanno diventando una realtà sempre più diffusa nelle case degli italiani e non solo.

Stanno diventando quasi “una scelta responsabile”.

Le ragioni sono tante e diverse. Innanzitutto avere l’impianto per depurare l’acqua permette di non sobbarcarsi la fatica di portare le pesanti ed ingombranti confezioni d’acqua dal supermercato a casa, sopratutto nelle abitazioni e/o nei condomini privi di ascensore, come più volte già detto in altri articoli.

Ma i vantaggi non si esauriscono di certo qui. Pensiamo al danno per l’ambiente che comporta la produzione ed il relativo smaltimento delle bottiglie di plastica, per quanto riciclabili.

Eppoi la ragione forse più importante “è la nostra salute”. 

Bere acqua depurata significa eliminare tutti quei residui e sostanze tossiche che a lungo andare si accumulano nel nostro organismo, come ad esempio il mercurio, l’arsenico, cloro e fluoro. Sostanze che spesso sono presenti nelle falde acquifere in quantità superiore a quelle tollerate, senza rischi per l’organismo.

Membrana osmosi inversa. Perchè sono così importanti?

La membrana ad osmosi inversa è il cuore dell’impianto di depurazione, costituisce il fulcro dell’intero processo.

Per capire meglio dobbiamo fare luce sulla differenza tra il procedimento naturale di osmosi e quello meccanico di osmosi inversa.

L’osmosi è un processo spontaneo che si verifica al passaggio di un fluido da una soluzione meno concentrata (più puro) ad una più concentrata (a più alto tenore salino), attraverso una membrana osmotica semipermeabile.

 

 

In natura “il principio osmotico” lo si può vedere in molti fenomeni, come le piante ad esempio, che assorbono per osmosi dal terreno l’acqua ed i minerali, attraverso le radici; lo stesso avviene nel corpo umano, dove il sangue per esempio viene purificato per osmosi, passando attraverso i reni.

Mentre l’osmosi inversa al contrario, è un procedimento meccanico di filtrazione che si ottiene forzando il passaggio di un fluido da una soluzione più concentrata (più inquinante) ad una meno concentrata, al fine di eliminare le particelle inquinanti (le impurità) ed ottenere così “acqua pura”.

Per capirci ancora meglio, in altri termini, questo processo avviene ricostruendo al contrario quanto in natura avviene spontaneamente, e cioè applicando una forte pressione all’acqua più concentrata al fine di farla passare attraverso la membrana ad osmosi inversa, che essendo semipermeabile, cioè in grado di lasciar passare il solvente (l’acqua), ma non i soluti (le particelle inquinanti), svolgendo così un ruolo fondamentale nel procedimento di depurazione dell’acqua.

I pro e i contro dell’utilizzo di un depuratore acqua ad osmosi

Ed infine prima di chiudere l’articolo, volevo fare una panoramica su i “pro e i contro” di trattare l’acqua con un impianto di depurazione ad osmosi inversa.

 PRO

  1. PRODUCE ACQUA OLIGOMINERALE PIACEVOLE E LEGGERA AL GUSTO.

L’osmosi inversa elimina molti sali minerali contenuti nell’acqua come calcio e magnesio che causano calcare rendendo l’acqua oligominerale. Quindi piacevole e leggera al gusto, con un basso residuo fisso. Un’acqua con queste caratteristiche permette di disintossicare il corpo e gli organi.

        2. ELIMINA I METALLI PESANTI, I PESTICIDI E I BATTERI. 

L’osmosi inversa elimina completamente tutte le impurità che si potrebbero accumulare nel nostro corpo. Purtroppo i nostri acquedotti e le acque in bottiglia non sono così sicuri come ci dicono. Arsenico, Bario, Nichel, Fluoro, Cloro, Batteri, Nitrati, Pesticidi, Batteri verranno definitivamente rimossi.

         3. E’ COMODO E TI FA RISPARMIARE FATICA. 

I depuratori a osmosi inversa eliminano il problema di acquistare regolarmente acqua al supermercato, non dovrai più fare la fatica di trasportarla a mano, ingombrare il ripostiglio con casse d’acqua e smaltire le bottiglie di plastica che ti obbligano a buttare la spazzatura frequentemente. Inoltre fai del bene alla natura non immettendo in circolazione sostanze inquinanti da smaltire.

         4. TI FA RISPARMIARE DENARO. 

Ti permette di risparmiare molti soldi in alternativa all’acquisto di acqua in bottiglia al supermercato. E’ calcolato un risparmio medio di 500 euro sulla spesa media per l’acqua per una famiglia di 4 persone.

 CONTRO

  1. ACQUA POVERA DI SALI MINERALI.

L’acqua povera di sali minerali non risulta particolarmente indicata per alcune tipologie di persone, specie per i soggetti malati, per gli anziani che hanno bisogno di assunzione massiccia di calcio. E’ anche vero che negli ultimi anni si è ovviato a questo problema fornendo i depuratori di una levetta per regolare il diametro dei pori delle membrane e che quindi i sali minerali sono regolabili in base alle proprie esigenze.

     2. MANUTENZIONE REGOLARE. 

Una volta acquistato il depuratore d’acqua a osmosi inversa dovrai ricordarti di sostituire i filtri ogni 8-12 mesi (dipende dalla tipologia di impianto istallato), altrimenti rischi un accumulo di batteri nei filtri e nel serbatoio.

      3. OCCUPA SPAZIO SOTTOLAVELLO O SOPRALAVELLO. 

Dovrai tener conto di sacrificare un pò di spazio (sottolavello o sopralavello) al tuo depuratore. Negli ultimi anni questo problema è stato parzialmente risolto con la realizzazione di macchine sempre più piccole e potenti.

 

Ed infine: per chi è adatto il depuratore ad osmosi inversa?

  • A tutte le famiglie che desiderano ottenere acqua oligominerale, quindi leggera, sicura e piacevole al gusto direttamente dal rubinetto.
  • A chi ha un’acqua dura, ricca di calcio e magnesio e vorrebbe alleggerirla.
  • A chi ha problemi con arsenico e altri metalli pesanti nell’acqua del rubinetto.
  • A chi vuole avere la sicurezza di bere acqua di alta qualità.

Se vuoi possiamo darti maggiori informazioni sull’osmosi inversa. E’ semplice: ti basta un click [Contatti].

Commenta